Banner laterale con loew. Area IT

Castelmagno DOP

      Castelmagno PDO
      Castelmagno di alpeggio
      Castelmagno prodotto della montagna













Il Castelmagno DOP è prodotto con latte di vacca, eventualmente addizionato con latte ovino e/o caprino in percentuale da un minimo del 5% ad un massimo del 20%.

Il Castelmagno DOP può essere esclusivamente prodotto, stagionato e confezionato nel territorio amministrativo dei comuni di Castelmagno, Pradleves e Monterosso Grana in provincia di Cuneo. Dagli stessi comuni deve anche provenire il latte destinato alla trasformazione.

Il Castelmagno può fregiarsi della menzione aggiuntiva "Prodotto della montagna" quando la produzione del latte, la trasformazione e la stagionatura avvengono in zone classificate come montane. Se invece il formaggio è prodotto e stagionato sempre all'interno dell'area di produzione riconosciuta, ma ad una quota superiore ai 1000 m, può portare la menzione "di Alpeggio". Le due menzioni sono facilmente identificabili dal colore dell'etichetta, blu nel caso del "Castelmagno prodotto della montagna" e verde nel caso del "Castelmagno di Alpeggio".



Descrizione



Il formaggio si presenta in forma cilindrica a facce piane del diametro di 15- 25 cm, scalzo di 12- 20 cm e peso variabile dai 2 ai 7 kg. La crosta è sottile e liscia di colore giallo rossastra nelle forme più fresche ed assume una conformazione rugosa e una colorazione ocrea - brunastra nelle forme più stagionate. La pasta molto friabile e priva di occhiature è di colore bianco avorio con la tendenza a virare ad una colorazione giallo ocrea e a presentare venature blu-verdi nelle forme più stagionate. La presenza di venature è dovuta allo sviluppo di speciali muffe, appartenenti al genere pennicillium, che contraddistinguono i cosiddetti formaggi erborinati o a pasta blu. L' "erborinatura", termine che deriva dal vocabolo dialettale lombardo "erborin" e significa prezzemolo, nel Castelmagno si sviluppa naturalmente con la stagionatura senza necessità di inoculo di muffe specifiche.

Il sapore fine è delicato diventa forte e piccante man mano che aumenta il periodo di stagionatura.

L'autenticità del prodotto è garantita dalla presenza del marchio impresso in rilievo su ciascuna forma e stampato al centro della caratteristica etichetta che ricorda la forma di una croce occitana.



Cucina



Impiegato soprattutto nella cucina piemontese, per arricchire piatti come Gnocchi di patate col Castelmagno fuso. Può essere gustato in purezza o accompagnato a mieli. I vini consigliati sono rossi e corposi, come Barbaresco, Barolo e Nebbiolo d’Alba.




Certificazione



PDO (Protected Designation of Origin)(ES). E’ un marchio di tutela giuridica della denominazione che viene attribuito dalla Comunità Europea (CE) agli alimenti le cui caratteristiche peculiari dipendono essenzialmente o esclusivamente dal territorio in cui sono prodotti. Anno di registrazione 1996


Prodotti vegetariani



  No


Prodotto alimentare



  No



VALORE NUTRIZIONALE




Calorie



   410 kcal per 100 gr.


Proteina



   25.6 gr. per 100 gr.


Grassi



   34.2 gr. per 100 gr.


Acidi grassi saturi



   24.6 gr. per 100 gr.


Colesterolo



   118 Mg. per 100 gr.



MACRONUTRIENTI




(Ca) Calcio



  476.7 Mg. ( 46% )*


(Na) Sodio



  611 Mg. ( 25% )*


*(la differenza dal valore medio)



Statistiche



14,7 -  Visite individuali al mese (media)
540 -  Solo visite individuali
19 08 2016 -  Data di pubblicazione dell'articolo
24 01 2017 -  Data dell'ultima modifica


Castelmagno PDO. Foto № 1
Castelmagno PDO. Foto  № 2
Castelmagno PDO. Foto  № 3



Banner laterale con i diritti. Area IT